Vitigno Emilia Romagna ALBANA

L'Albana è un vitigno 'a bacca bianca' (foglia grande e pentagonale, buccia di colore giallo intenso) primo bianco, in Italia, ad ottenere la Denominazione di Origine Controllata e Garantita (D.O.C.G.), nel 1987. La origine del “biondo nettare di Romagna” sembra risalire ai tempi romani. Se ne trova traccia in scritti di quell'epoca che riferiscono di Galla Placidia, figlia di Teodosio. Altri ne fanno derivare il nome dai Colli Albani, da cui provenivano i Legionari colonizzatori della Romagna. Molto più probabilmente il suo nome deriva dalla qualità dell'uva chiara, che viene considerata la migliore delle uve bianche, da cui 'Albus' (bianco per eccellenza) = Albana. Leggenda vuole che la bellissima donna dai capelli biondi, Galla Placidia, arrivò nel 435 d.C. nel paesino arroccato sulla pianura tra Forlì e Cesena : colpiti da tanta bellezza gli ospitali paesani le offrirono, in una rozza brocca di terra cotta, il dolce e vigoroso vino del luogo; ella, estasiata dalla bontà di quel nettare che scendeva dolcemente nelle vene rendendola felice, esclamò : “Non così umilmente ti si dovrebbe bere, bensì BERTI IN ORO”; da allora, secondo leggenda, il paesello dove la sovrana si era dissetata si chiamò Bertinoro


La zona caratteristica della produzione è quella compresa nello 'Spungone Romagnolo' e cioè dalla zona Bertinorese sino alle colline dell'Imolese, in quanto favorite dal microclima favorevole (composizione del terreno, ventosità, marcata esposizione solare e vicinanza del mare)

Il vino Albana viene prodotto nelle diverse tipologie (denominazioni):

- Albana di Romagna - D.O.C.G. - Dolce
- Albana di Romagna - D.O.C.G. - Secco
- Albana di Romagna - D.O.C.G. - Amabile
- Albana di Romagna - D.O.C.G - Passito
- Romagna Albana Spumante - D.O.C.

Delle tipologie elencate, quella 'Passito' rappresenta il fiore all'occhiello dell'enologia romagnola, in quanto si presenta come un vino superbo e competitivo, che negli ultimi anni ha conquistato fama e notorietà, non solo a livello nazionale.
Il vino si ottiene dall'appassimento delle uve. Si presenta di colore giallo dorato tendente all'ambrato. Il profumo è intenso e caratteristico con sentori di miele d'acacia, mandorla tostata, confettura di pesca ed albicocca, spezie ed in special modo, della presenza del legno di affinamento.

Gli abbinamenti più consoni alle varie tipologie vanno dagli antipasti di pesce, alle torte salate, dalle minestre alle zuppe di verdura e cereali, dalle paste gratinare ai risotti. Inoltre si accompagna gradevolmente ai secondi di pesce, sino ad arrivare ai classici dolci tradizionali.
Il migliore abbinamento per l'Albana Passito si ha con il classico 'Formaggio di Fossa' accompagnato da miele di castagno, confettura di fichi e cotogna, Savour Romagnolo (mosto di uva cotto con mele e pere cotogne e frutta secca), fichi caramellati, nonché a tutti i formaggi 'erborinati' (Gorgonzola, Taleggio di Grotta, ecc).